test banner

3a Serie Speciale – Regioni n. 45 del 24-11-2018

LEGGE PROVINCIALE 11 maggio 2018, n. 6  

REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE (PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO) LEGGE PROVINCIALE 11 maggio 2018, n. 6   Modifica della legge provinciale 19 settembre 2017, n. 14 «Disposizioni sull'elezione del Consiglio provinciale, del presidente della Provincia e sulla composizione ed elezione della Giunta provinciale». (GU 3a Serie Speciale - Regioni n.45 del 24-11-2018

(Pubblicata nel Supplemento n. 4 al Bollettino Ufficiale
della Regione Trentino-Alto Adige
n. 20/I-II del 17 maggio 2018)


IL CONSIGLIO PROVINCIALE


Ha approvato


nessuna richiesta di referendum
e' stata presentata


IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA


Promulga

la seguente legge:
Art. 1

Modifica della legge provinciale 19 settembre 2017, n. 14,
«Disposizioni sull'elezione del Consiglio provinciale, del
presidente della Provincia e sulla composizione ed elezione della
Giunta provinciale».

1. L'art. 16 della legge provinciale 19 settembre 2017, n. 14, e'
cosi' sostituito:
«Art. 16 (Formazione delle candidature). - 1. Le liste dei
candidati sono depositate presso la struttura provinciale competente
in materia elettorale tra il cinquantunesimo giorno e le ore 12,00
del quarantasettesimo giorno antecedente quello dell'elezione,
eccettuate le domeniche, e comunque durante l'orario di servizio.
2. La dichiarazione di presentazione di ciascuna lista di candidati
alla carica di consigliere provinciale deve essere sottoscritta da
non meno di quattrocento e non piu' di seicento elettori, che il
giorno della pubblicazione del decreto di indizione dei comizi
elettorali hanno diritto di votare nei comuni della Provincia di
Bolzano per l'elezione del Consiglio provinciale.
3. Nessun elettore puo' sottoscrivere piu' di una dichiarazione di
presentazione di lista di candidati.
4. In deroga a quanto disposto dal comma 2, nessuna sottoscrizione
e' richiesta per la presentazione di liste da parte di partiti o
raggruppamenti politici che nelle ultime elezioni hanno presentato
candidature con proprio e identico contrassegno ottenendo almeno un
seggio nel Consiglio provinciale o nel Parlamento italiano o nel
Parlamento europeo. In tale caso la dichiarazione di presentazione
della lista e' sottoscritta da una delle persone di cui all'art. 14,
comma 3.
5. Le sottoscrizioni previste dai commi 2 e 4 devono essere
autenticate, anche cumulativamente, dai soggetti e con le modalita'
indicati all'art. 14 della legge 21 marzo 1990, n. 53, e successive
modifiche.
6. Il deposito e' effettuato dalle persone indicate dall'art. 15.
7. I candidati alla carica di consigliere provinciale, questi
ultimi contrassegnati da numeri arabi progressivi, devono essere
elencati con l'indicazione del cognome, nome, luogo e data di
nascita, sesso, gruppo linguistico di appartenenza, ed eventualmente
del soprannome o del nome volgare.
8. Ciascuna lista di candidati alla carica di consigliere
provinciale deve comprendere un numero di candidati non inferiore a
dodici e non superiore a trentacinque. Ciascuna lista di candidati
deve essere formata da rappresentanti di ambo i generi. In ciascuna
lista di candidati nessuno dei due generi puo' essere rappresentato
in misura superiore a due terzi, con eventuale arrotondamento
all'unita' superiore o inferiore. Se, al momento del suo deposito,
una lista comprende candidati dello stesso genere in misura superiore
a due terzi, i candidati del genere sovrarappresentato sono
cancellati dalla lista partendo dall'ultimo candidato di detto
genere. Se un candidato del genere sottorappresentato non e' stato
ammesso alle elezioni dall'ufficio elettorale centrale, non si
procede ad ulteriore cancellazione dalla lista.
9. Fatto salvo quanto disposto dal comma 7, per le candidate puo'
essere indicato solo il cognome da nubile o puo' essere aggiunto o
anteposto il cognome del marito. Chi ha costituito un'unione civile e
ivi dichiarato di voler assumere un cognome comune ai sensi dell'art.
1, comma 10, della legge 20 maggio 2016, n. 76, puo' anteporre o
posporre il cognome comune.
10. Nessuno puo' essere candidato alla carica di consigliere
provinciale in piu' di una lista.
11. La dichiarazione di presentazione della lista dei candidati
alla carica di consigliere provinciale deve contenere la descrizione
succinta del contrassegno che identifica la lista.».



 

 


Abbonati per consultare tutto l'archivio storico delle gazzette

Gazzetta No Problem

Visualizza Abbonamenti

Newsletter Rimani aggiornato

Inserisci la tua e-mail*

 *Accetta Termini & condizioni