test banner

Serie Generale n. 266 del 15-11-2018

DECRETO 2 agosto 2018 

Concessione delle agevolazioni per il progetto ARS01 01137, a valere sull'avviso DD 1735 del 13 luglio 2017, per la presentazione di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nelle 12 aree di specializzazione individuate dal PNR 2015-2020. (Decreto n. 2060/2018). (18A07289

IL DIRETTORE GENERALE
per il coordinamento, la promozione
e la valorizzazione della ricerca

Visto il decreto-legge del 16 maggio 2008, n. 85 recante:
«Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in
applicazione dell'art. 1, comma 376 e 377, della legge 24 dicembre
2007, n. 244», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 114 del 16
maggio 2008, convertito con modificazioni nella legge 14 luglio 2008,
n. 121 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 164 del 15 luglio 2008;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dell'11
febbraio 2014, n. 98, «Regolamento di organizzazione del Ministero
dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca», pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 161 del 14 luglio 2014;
Visto il decreto ministeriale del 26 settembre 2014, n. 753,
«Individuazione degli uffici di livello dirigenziale non generale
dell'Amministrazione centrale del MIUR» pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 91 del 20 aprile 2015 - Supplemento ordinario n. 19 - in
particolare l'allegato 1, punto 3, che stabilisce che l'Ufficio II
della Direzione generale per il coordinamento, la promozione e la
valorizzazione della ricerca e' competente in materia di
«Incentivazione e sostegno alla competitivita' del sistema produttivo
privato e del pubblico/privato in ambito nazionale e internazionale»;
Visto l'art. 11, comma 1 e 5, del decreto-legge del 16 maggio 1994,
n. 299, convertito con modificazioni dalla legge 19 luglio 1994, n.
451;
Visto il Programma operativo nazionale «Ricerca e innovazione»
2014-2020 (PON «R & I» 2014-2020) e il relativo piano finanziario
approvati con decisione C (2015) 4972 del 14 luglio 2015, che ha
competenza sulle regioni in transizione e le regioni meno sviluppate;
Visto il decreto legislativo del 31 maggio 2011, n. 88, mediante il
quale il FAS (Fondo per le aree sottoutilizzate), istituito con la
legge finanziaria 2003 (legge 27 dicembre 2002, n. 289, articoli 60 e
61) ha assunto la denominazione di Fondo per lo sviluppo e la
coesione (FSC);
Visto il regolamento (UE) 651/2014 della commissione del 17 giugno
2014, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea L187
del 26 giugno 2014 e successive modificazioni e integrazioni, che
dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato
interno, in applicazione degli articoli 107 e 108 del TFUE
(regolamento generale di esenzione per categoria) e in particolare
l'art. 59 che stabilisce l'entrata in vigore del medesimo regolamento
a partire dal giorno 1° luglio 2014;
Visto il decreto ministeriale del 5 gennaio 2018, n.10, art. 3,
registrato dal competente Ufficio centrale di bilancio con visto del
13 febbraio 2018, n. 130, con il quale il Ministro dell'istruzione,
dell'universita' e della ricerca ha assegnato al Capo Dipartimento,
preposto al Centro di responsabilita' amministrativa denominato
«Dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca», le
risorse relative alla realizzazione dei programmi affidati al
medesimo Centro di responsabilita' amministrativa;
Visto il decreto del Capo Dipartimento del 15 febbraio 2018, n.
312, registrato dal competente Ufficio Centrale di Bilancio con visto
n. 171 del 28 febbraio 2018, con il quale, tra l'altro, viene
attribuita al direttore preposto alla Direzione generale per il
coordinamento, la promozione e la valorizzazione della ricerca, la
delega per l'esercizio dei poteri di spesa in termini di competenza,
residui e cassa sui capitoli e piani gestionali ivi specificati;
Visto il decreto del 22 marzo 2018, n. 605, registrato dal
competente Ufficio centrale di bilancio con visto n. 241 del 23 marzo
2018, del direttore generale per il coordinamento, la promozione e la
valorizzazione della ricerca, di attribuzione della delega per
l'esercizio dei poteri di spesa in termini di competenza, residui e
cassa;
Visto il decreto direttoriale del 10 aprile 2018, n. 852 a parziale
rettifica di quanto gia' disposto con il decreto direttoriale del 22
marzo 2018, n. 605 relativo all'attribuzione dei poteri di spesa in
termini di competenza, residui e cassa ai dirigenti della Direzione
generale per il coordinamento, la promozione e la valorizzazione
della ricerca dei capitoli di bilancio assegnati con decreto del Capo
Dipartimento del 18 febbraio 2018, n. 312;
Visto il decreto ministeriale del 26 luglio 2016, n. 593,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 196 del 23 agosto 2016 recante
«Disposizioni per la concessione delle agevolazioni finanziarie»;
Visto il decreto direttoriale del 13 ottobre 2017, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 289 del 12 dicembre 2017, recante: linee guida
al decreto ministeriale del 26 luglio 2016, n. 593, «Disposizioni per
la concessione delle agevolazioni finanziarie.»
Visto il decreto direttoriale del 13 luglio 2017, n. 1735/Ric.
«Avviso per la presentazione di progetti di Ricerca industriale e
sviluppo sperimentale nelle 12 aree di specializzazione individuate
dal PNR 2015 - 2020» di seguito («Avviso»);
Visto l'art. 2 dell'avviso che disciplina le finalita'
dell'intervento;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 31 maggio
2017, n. 115 «Regolamento recante la disciplina per il funzionamento
del registro nazionale degli aiuti di Stato, ai sensi dell'art. 52,
comma 6, della legge 24 dicembre 2012, n. 234 e successive modifiche
e integrazioni»(Gazzetta Ufficiale - Serie generale n. 175 - del 28
luglio 2017), entrato in vigore il 12 agosto 2017, e, in particolare,
gli artt. 9, 13 e 14 che prevedono, prima della concessione da parte
del soggetto concedente aiuti di Stato, la registrazione dell'aiuto
individuale e l'espletamento di verifiche tramite cui estrarre le
informazioni relative agli aiuti precedentemente erogati al soggetto
richiedente per accertare che nulla osti alla concessione degli
aiuti;
Dato atto dell'adempimento agli obblighi di cui al citato decreto
ministeriale 31 maggio 2017, n. 115;
Viste le domande presentate nel rispetto dei tempi e delle
modalita' previste nell'avviso, ed in particolare l'art. 4 che
disciplina i criteri di partecipazione nella forma del partenariato
pubblico-privato;
Tenuto conto che ai sensi dell'art. 7 dell'avviso il MIUR,
verificata l'ammissibilita' delle domande presentate da parte dei
partenariati pubblico-privato, ha proceduto alla valutazione dei
relativi progetti mediante modalita' e criteri di cui al successivo
art. 8 dell'avviso;
Visto il decreto direttoriale del 1° giugno 2018, prot. n. 1384, di
approvazione della graduatoria di merito a seguito delle valutazioni
tecnico scientifiche delle domande presentate nell'ambito dell'area
di specializzazione Fabbrica intelligente dell'avviso, come da
tabella «Graduatoria delle domande dell'area di specializzazione
Fabbrica intelligente» allegato 1 al predetto decreto direttoriale;
Atteso che ai sensi dell'art. 13 del citato avviso sono state
individuate le risorse disponibili fino a concorrenza dei fondi PON
«Ricerca e innovazione 2014 e 2020» e FSC e della relativa dotazione;
Vista la nota del 13 giugno 2018, prot. n. 10310 con la quale il
responsabile del procedimento, sulla base della graduatoria di
merito, ha trasmesso ad Invitalia S.p.A. gli atti di esito della
valutazione tecnico-scientifica per le valutazioni economico -
finanziarie dei progetti;
Acquisiti gli esiti istruttori della valutazione
economico-finanziaria di Invitalia S.p.A. sul progetto dell'Area di
Specializzazione fabbrica intelligente di cui alla domanda di
agevolazione contrassegnata dal codice identificativo ARS01_01137 dal
titolo «SE4I - Smart Energy Efficiency & Environment for Industry»
con nota del 10 luglio 2018 prot. n. 11532;
Visto l'art. 13, comma 1, del decreto ministeriale n. 593 del 2016
che prevede che il capitolato tecnico e lo schema di disciplinare, o
qualsiasi altro atto negoziale tra le parti previsto dall'avviso
integrativo nella forma predisposta dal MIUR, contenente le regole e
le modalita' per la corretta gestione delle attivita' contrattuali e
le eventuali condizioni cui subordinare l'efficacia del
provvedimento, costituiscono parte integrante del presente decreto di
concessione delle agevolazioni spettanti;
Dato atto che gli obblighi di cui all'art. 11, comma 8, del decreto
ministeriale n. 593 del 2016, sono stati assolti mediante l'avvenuta
iscrizione del progetto approvato, e dei soggetti fruitori delle
agevolazioni, nell'Anagrafe nazionale della ricerca;
Visto il decreto legislativo del 6 settembre 2011, n. 159, «Codice
delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonche' nuove
disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli
articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136» e successive
modificazioni e integrazioni e atteso che il perfezionamento della
contrattualizzazione e' subordinato all'espletamento di tutti gli
adempimenti allo stesso collegati;
Visti i Codici unici di progetto (CUP), di cui all'art. 11 della
legge 16 gennaio 2003, n. 3;
Vista la nota del 1° agosto 2018, prot. n. 12930 con la quale il
RUP ha trasmesso gli atti valutativi alla scrivente direzione per gli
eventuali seguiti di competenza, avendo verificato la regolarita' e
la completezza dei suddetti atti;
Ritenuto che nulla osti all'adozione del provvedimento di
concessione del finanziamento ai progetti sopra richiamati;

Decreta:

Art. 1

1. Il Progetto di ricerca industriale e non preponderante sviluppo
sperimentale, area di specializzazione «Fabbrica intelligente», di
cui alla domanda di agevolazione contrassegnata dal codice
identificativo ARS01_01137 dal titolo «SE4I - Smart Energy Efficiency
& Environment for Industry», e' ammesso alle agevolazioni previste,
secondo le normative citate nelle premesse, nella forma, misura,
modalita' e condizioni indicate nella «Scheda del progetto ammesso al
finanziamento con dettaglio analitico dei costi ammessi e delle
agevolazioni concesse per ciascun beneficiario», allegata al presente
decreto direttoriale (allegato 1), del quale costituisce parte
integrante.
2. La decorrenza del progetto indicata in sede di presentazione
della domanda di agevolazione, attraverso le date inserite nel
sistema Sirio, e' fissata al 1° marzo 2018 e ha una durata pari a
trenta mesi.
3. Il presente decreto, in uno ai suoi allegati, e' sottoscritto
dal soggetto capofila Enel Italia S.r.l. con sede viale Regina
Margherita n. 125 Roma, cap. 00198, partita I.V.A. n. 06377691008,
individuato dal partenariato ai sensi dell'art. 4, comma 8
dell'avviso giuste procure speciali trasmesse dai soggetti proponenti
e acquisite agli atti, in persona di Carlo Bozzoli, nato a Mirandola
(MO) il 25 febbraio 1962, codice fiscale BZZCRL62B25F240M, in
qualita' di legale rappresentante del soggetto capofila.
4. Il finanziamento sara' regolamentato con le modalita' e i
termini di cui al Disciplinare di concessione delle agevolazioni
(allegato 2) e dovra' svolgersi secondo le modalita' e i termini
previsti nel capitolato tecnico (allegato 3).
5. La scheda del progetto ammesso al finanziamento con dettaglio
analitico dei costi ammessi e delle agevolazioni concesse per ciascun
beneficiario, allegato 1 al presente decreto - elaborato sulla base
dei dati presenti sul sistema informatico Sirio - riporta il
dettaglio dei costi, nonche' delle relative ripartizioni tra
attivita' di ricerca industriale e non preponderante sviluppo
sperimentale.
6. I Codici unici di progetto (CUP) e i Codici concessione RNA -
COR, rilasciati dal registro nazionale degli aiuti di Stato ai sensi
del citato decreto ministeriale 31 maggio 2017, n. 115, riferiti ad
ogni singolo soggetto beneficiario, sono riportati nell'allegato 4 -
Codici unici di progetto (CUP) e Codici concessione RNA - COR, che
costituisce parte integrante del presente decreto.



 

 


Abbonati per consultare tutto l'archivio storico delle gazzette

Gazzetta No Problem

Visualizza Abbonamenti

Newsletter Rimani aggiornato

Inserisci la tua e-mail*

 *Accetta Termini & condizioni